Dimagrire dormendo: bufala o verità?

Una delle scoperte più insolite in campo scientifico è quella che collega direttamente la qualità del sonno al dimagrimento. Se, infatti, è stato accertato da tempo che un riposo sano e soddisfacente doni al corpo una serie non indifferente di benefici, quello legato alla perdita di peso può far storcere il naso e risultare quasi incredibile. E’ davvero così o si tratta della ennesima bufala del web?

Ebbene, numerosi studi hanno confermato che dormire fa dimagrire.

O meglio, rispettare il ciclo sonno-veglia aiuta la regolazione del metabolismo e previene tutta una serie di controindicazioni responsabili dell’aumento di peso. Dormire male può portare ad uno scompenso ormonale che accresce il desiderio di zuccheri e grassi. Oltre a questo, è stato riscontrato un rallentamento del metabolismo basale che induce ad una minor capacità di bruciare le calorie assimilate nei pranzi.

In una estrema sintesi, sembra quindi che dormire poco o male porti a mangiare di più e a bruciare meno. In altre parole fa ingrassare!
Un ruolo fondamentale in questi processi è ricoperto dalla melatonina e dalla sua capacità di produrre “grasso beige” che, insieme al grasso bianco (detto Wat) e al grasso marrone (detto Bat), formano i tre tipi di grasso presenti nel corpo umano.

Le ultime ricerche sembrerebbero dimostrare che l’attivazione di queste particolari cellule possa rappresentare una valida soluzione naturale al problema dell’obesità. Tutto ciò grazie alla capacità del grasso beige di bruciare calorie piuttosto che di conservarle.
Per questo motivo, se si vuol tentare di seguire uno stile di vita più salutare o se si vuol intraprendere un regime di dimagrimento efficace, non devono essere trascurate tutte quelle piccole attenzioni che possono rendere qualitativamente migliore il nostro riposo.
A questo scopo ricopre un ruolo importante anche la cena. Cenare presto e far passare almeno 8 ore tra la cena e la colazione stimola la lipolisi, ovvero il processo metabolico che favorisce l’eliminazione del grasso, e di conseguenza aiuta a perdere i chili in eccesso.